Nonostante le promesse, nei primi incontri con l’amministrazione, nessuno parla più di perequazione interna tra gli ex presidi assunti prima del 2001 e i dirigenti scolastici assunti dopo, di quei 5 mila euro che non ci sono nelle buste paga dei neo-assunti, di cui si aspetta la decisione della Cassazione su un ricorso patrocinato proprio dal giovane sindacato che invita gli interessati a richiedere la diffida specifica a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Ma rimane un mistero anche l'assegnazione al FUN della RIA di quei presidi cessati dal servizio dal 2014 di cui non c'è traccia nei resoconti sindacali.

 

Come è noto, nel primo contratto fu pattuito che la RIA dei dirigenti cessati dal servizio alimentasse il FUN per la retribuzione di posizione parte variabile e di risultato. Dopo la sentenza della Suprema Corte, la RIA deve tornare ad alimentare il FUN. Ma, a questo punto, assistiamo a un fatto decisamente strano: le OO. SS rappresentative, nel marzo scorso, riferiscono che "Il MIUR ritiene che nella composizione del fondo relativo al 2017/2018 debba confluire la RIA relativamente al periodo settembre 2014 - settembre 2017. In tal senso si è infatti operato per la costituzione dei Fondi indirizzati ai dirigenti amministrativi. Le organizzazioni sindacali hanno condiviso l’interpretazione del MIUR" (CISL news 27 marzo 2018). Ed effettivamente la c.d. Direttiva madre della ministra Madia prevede la RIA dei cessati per la retribuzione (2.12 della Direttiva Dip. Funzione Pubblica del 6/7/2017). 

Ma, purtroppo, nei resoconti dei 3 incontri tenutisi fino ad oggi la RIA non viene più nominata: forse, ancora una volta, essa spetta solo agli "altri "dirigenti? Non si tratta certo di cifre importanti, però comunque si parla ad oggi di alcuni milioni di euro (mentre per il 2018/19 sarebbero pochi spiccioli destinati a svanire del tutto nel giro di poco tempo). Oppure, pensando anche male, la RIA sarebbe al centro di una manfrina che vede l'Aran "impegnata nella ricognizione di tutte le risorse disponibili" in confronto col MIUR, come da ultimi comunicati relativi all'incontro del 13 settembre?

Bisogna capire che si tratta di soldi che appartengono ai DS, come riconosciuto dalla stessa direttiva madre. Ancora una volta, con un copione che abbiamo già visto per i docenti e gli Ata, la paura è quella di assistere a giri di valzer che sposterebbero risorse già esistenti da una posta all'altra. L’ipotesi peggiore, certamente, è quella di negare di fatto, conteggiandoli solo per il 2017/18 e non dal 2014/15. Sembra che il problema della perequazione interna per gli attuali sindacati rappresentativi della dirigenza scolastica semplicemente non esista. Eppure, fino a qualche mese fa, la rivendicavano a gran voce, prima della scadenza del termine per la rilevazione delle deleghe. Udir, al contrario, continua solitaria la sua battaglia.Chi vuole far valere i propri diritti può contattare la segreteria Udir, all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., per chiedere il modello di diffida e ottenere il risarcimento delle somme erroneamente corrisposte.

Ricorso Ria Udir

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

LEGGE DI STABILITÀ - Udir presenta in Senato emendamenti su perequazione interna ed esterna, sicurezza, ripristino e aumento Fun

LEGGE DI STABILITÀ – Dirigenti scolastici, Udir chiede al Senato di affrontare il nodo degli stipendi

RINNOVO CONTRATTO P.A. - Udir: ridotti alla miseria dirigenti statali della Scuola, Comuni, Regioni e medici

LEGGE DI STABILITÀ - Udir: ultimo appello ai deputati prima dell'apertura dei ricorsi sulla perequazione esterna

LEGGE DI STABILITÀ - Sicurezza scuole, tutto rimane come prima: i presidi saranno costretti a chiuderle

Cassazione: pure gli istituti non a norma in zone a basso rischio sismico vanno chiusi dai presidi. Appello Udir-Confedir ai dirigenti scolastici: non assumete più responsabilità sulla vostra pelle

Sicurezza, per lo Stato il tempo delle proroghe agli obblighi di prevenzione incendi è scaduto: le scuole senza certificazione vanno chiuse

Sicurezza, i dirigenti scolastici non dormono sonni tranquilli: troppi rischi sullo stato degli edifici, bisogna scrivere a Comuni e Province

Sicurezza, cambiano le norme antincendio ma i rischi rimangono alti e i dirigenti scolastici i capri espiatori

Sicurezza, gli alunni come i lavoratori: devono seguire i corsi di formazione organizzati dai dirigenti

SCUOLE INSICURE – Crolli ad Eboli e Fermo, inquietante silenzio sulle tragedie sfiorate: tanto poi la colpa è dei presidi

Dirigenti scolastici, si aprono le trattative all’Aran per la nuova area dell’istruzione e della ricerca: se ne parla domani a Palermo nel corso di un convegno nazionale Udir

Prevenzione incendi, è allarme per migliaia di istituti non a norma. Appello Udir ai presidi: tutelatevi diffidando Comuni o Province

Sicurezza degli edifici scolastici e ristrutturazioni edilizie. Pacifico (Udir): il dirigente scolastico non può essere perseguito come datore di lavoro

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza: nuovi obblighi per i dirigenti scolastici

Sicurezza, Udir: allarme già ampiamente dato, adesso vogliamo vedere i fatti

Crollano ancora tetti e controsoffitti, Bussetti minimizza: no allarmismi e chiusure preventive. Udir non ci sta: pronte le diffide ai Prefetti

Scuole insicure, dirigenti scolastici alle prese con una miriade di adempimenti da assolvere in fretta: neo-assunti e reggenti rischiano grosso

Sicurezza, il Ministro annuncia corsi della protezione civile per gli alunni. Udir: bene, ma devono studiare in istituti a norma

Dopo sei mesi di trattative si scopre che mancano i soldi per i dirigenti scolastici



© 2016 All Rights Reserved - Privacy