Sulla mobilità, secondo il sindacato, ci sono delle norme vecchie inamovibili che rendono difficoltosa la mobilità soprattutto da una regione all'altra. “Noi proponiamo che ci sia uno snellimento delle procedure e la messa a disposizione dei dirigenti scolastici del 100% dei posti disponibili in altre regioni.

 

Ovviamente seguendo le norme relative alla posizione delle graduatorie, le valutazioni del servizio, dei titoli, però se i posti ci sono perché non possono essere messi a disposizione? Ne parliamo in due degli emendamenti presentati: bisogna dare risposte ai dirigenti scolastici finiti in una situazione incatenata, in cui non si ravvisa più la possibilità di tornare nelle regioni di origine o in un luogo dove si desidera vivere. Si chiede una mobilità straordinaria”.

Lo sostiene il sindacato Udir, attraverso un emendamento al disegno di legge 2505 Sostegni ter, presentato in audizione ai senatori della VI Commissione del Senato.

 

PER APPROFONDIMENTI: 

LEGGE DI BILANCIO – Il Senato sta per approvare il maxi-emendamento, novità per i dirigenti scolastici

DIRIGENTI SCOLASTICI - Ricorso contro l’obbligo vaccinale, ancora possibile aderire

Per il Consiglio nazionale di Udir non ci sono le condizioni per ripartire in presenza

Udir: i dirigenti scolastici lanciano un grido di allarme per la propria condizione lavorativa, chiedono il riconoscimento dei diritti minimi garantiti a tutti i lavoratori

Decreto Sostegni ter, Udir in audizione al Senato per presentare le proprie proposte emendative